MINUTOPERMINUTO SI FERMA!

Minutoperminuto si ferma! Bloccati dai mancati ricavi pubblicitari che ci permettono di continuare con passione il nostro lavoro.
Il nostro passatempo si ferma ma non definitivamente.. sperando di tornare più presto possibile

Minutoperminuto si ferma

Minutoperminuto si ferma

Meteora sui cieli della russia (VIDEO)

Lo spettacolare fenomeno accaduto lo scorso sabato notte a Murmansk, vicino al confine con la Norvegia.

E’ stato un sabato notte molto particolare quello vissuto a Murmansk, una cittadina nell’estremo Nordovest della Russia, non molto distante dal confine con la Norvegia. Alle ore 2.10 è stato osservato il passaggio di una meteora la quale per alcuni minuti ha illuminato a giorno i cieli notturni. Secondo le fonti locali non ci sarebbero stati peraltro danni a cose o a persone.
A parere degli astronomi il passaggio della meteora potrebbe essere legato allo sciame delle Liridi che solitamente si verifica da millenni dopo la metà di aprile di ogni anno. Generalmente il fenomeno non è molto visibile, tuttavia talvolta si verificano delle condizioni che ne permettono una più facile osservazione, come appunto è accaduto lo scorso weekend.
Sono molti i cittadini che, videocamera alla mano, sono riusciti a filmare l’evento: ciò è stato possibile anche grazie anche alla pratica molto diffusa in Russia di avere questi strumenti montati sui cruscotti delle automobili ai fini della tutela dei guidatori nei confronti delle assicurazioni in caso di incidenti.

Ogni anno sulla Terra cadono circa 40 mila tonnellate di rocce spaziali, tuttavia di solito sono talmente piccole che è impossibile rendersene conto; esse in genere si polverizzano una volta venute a contatto con l’atmosfera. Eventi come quelli accaduti in Russia si verificano di solito mediamente ogni dieci anni, ma di solito gli impatti avvengono in zone non abitate oppure sulla superficie oceanica e dunque fortunatamente non recano quasi mai danni apprezzabili.

VIDEO SCHERZO – Tristo mietitore volante innesca il panico

Mietitore robotizzato spaventa i cittadini

Mietitore robotizzato spaventa i cittadini

GUARDA IL VIDEO:

A papa Francesco scappa una parolaccia

Piccola gaffe del santo padre che domenica mattina si lascia scappare una parolaccia.
Ovviamente si è subito corretto :)

GUARDA IL VIDEO

Gaffe di Papa Francesco

Gaffe di Papa Francesco

Holly Michaels (FOTO HARD)

Rubrica:
VIP – VERY IM”PORN”TANT PUSSY

Cari bocciofili, la nuova starlet del mondo pornografico che vi propongo oggi si chiama Holly Michaels.
Classe ’90, di Phoenix (si legge Finix e non Penix come potrebbe pensare qualche malizioso), del segno del Leone. È una stangona di 1,80 m e madre natura, oltre ad averle donato l’altezza, le ha anche fornito delle curve morbide e prorompenti.
Nonostante la giovane età, è ormai considerata una veterana nel mondo dell’hard.
Ha praticamente provato ogni genere di sconcerie: dallo gnomo inviperito, allo struzzo ingordo.
È sopravvisuta a qualsiasi tipo di monta, ma da una manza come lei ce lo si poteva aspettare.
Andate a scoprirla. Nel frattempo godetevi questi scatti!

Caitlin O’Connor (FOTO HARD)

Molti di voi non la conosceranno. Ebbene, ve la presento! Lei è Caitlin O’Connor, nata il 7 Dicembre 1990 in Pennsylvania. Ama la recitazione fin da quando era bambina e sviluppa il suo immenso talento da adulta (come si può notare negli scatti di seguito).
Cresce cullata dalla sua favola preferita, “Alice nel paese delle meraviglie”, e così, una volta raggiunta la maggiore età, decide di mostrare al mondo tutte queste meraviglie.
Godetevele!

Margot Robbie: Hollywood impazzisce

Lei è Margot Robbie! Forse molti di voi l’avranno vista nei panni di Naomi Lapaglia, la bellissima moglie di Jordan Belfort, interpretato da Leonardo Di Caprio nel film di Martin Scorsese, “The Wolf of Wall Street”.
La sua bellezza non passa di certo inosservata.
Classe ’90, australiana, adora gli spaghetti alla bolognese e non si vergogna di mettere in mostra le proprie grazie. Che dire di più? Godetevela in questi scatti!

Nicchi: Moviola in campo è la morte del calcio

Nicchi presidente dell’AIA

Serie A, Nicchi: Moviola in campo è la morte del calcio
Il presidente dell’Aia: « Il compito nostro è di far rispettare le regole ma, sull’introduzione dei sistemi elettronici in campo, mi sorgono non pochi quesiti. La bomboletta per la distanza delle barriere? È inutile perché la ritengo una sciocchezza: fa parte della spettacolarizzazione»

ROMA - “Sulla moviola, io ho un’idea molto chiara: se domani dovesse arrivare la moviola in campo, allora potremmo cominciare a dire che questo sport è finito. Il compito nostro è di far rispettare le regole ma, sull’introduzione dei sistemi elettronici in campo, mi sorgono non pochi quesiti”. Lo ha detto Marcello Nicchi, presidente dell’Associazione italiana arbitri, intervenendo a Radio anch’io lo sport, su  RadioRai. “Se vogliamo cambiare il calcio - ha aggiunto -diamogli un altro nome”“Se si interrompe il gioco, in che modo si recupera? E poi, in ogni caso, le immagini tv non sempre sciolgono i dubbi, o chiariscono gli equivoci. La decisione finale sull’episodio a chi compete? All’arbitro? Oppure a chi manovra il congegno?”. Le prime domande di Marcello Nicchi, a proposito della possibilità di introdurre la moviola sui campi di calcio. “In quali casi interverrà la moviola? Quando si fermerà il gioco? Quando l’arbitro lo ritiene necessario, o quando il pallone va fuori? E chi è il proprietario dell’emittente che riprenderà la partita? E se, su un contropiere, arriva il gol? Annulliamo tutto e torniamo indietro?”, aggiunge. “Il calcio - sottolinea - non è di proprietà di nessuno e, se lo vogliamo cambiare, cambiamogli nome, dicendo ai tifosi che andranno a vedere una partita elettronica, che si può tranquillamente seguire anche da casa”“La bomboletta che verrà utilizzata dagli arbitri in Brasile per stabilire la distanza della barriera? È inutile - sostiene il presidente dell’Aia - la ritengo una sciocchezza: fa parte della spettacolarizzazione… Facciano loro”.NICCHI SUGLI STRANIERI - “Oggi il calcio non mi diverte e non mi appassiona più: ci sono troppi stranieri in campo, di cui non conosciamo la cultura, né la storia; ci sono giocatori di cui non si è mai sentito parlare e ce li ritroviamo in Serie A. Dobbiamo trasmettere loro la cultura e il rispetto delle regole che magari nei rispettivi Paesi d’origine vengono applicate in modo leggero”. Lo ha detto Marcello Nicchi, presidente dell’Assoarbitri, intervenendo a Radio anch’io lo sport, su RadioRai. “Servirebbe più attenzione per i nostri giovani, i nostri vivai, e se poi nel mondo ci sono decine di campioni che vengono a giocare da noi saranno ben accolti”, ha aggiunto Nicchi che, sulla possibilità di “aprire” i microfoni delle emittenti agli arbitri, precisa: “Quando cambierà la cultura e il modo di analizzare il calcio faremo parlare gli arbitri. La nostra categoria ultimamente ha fatto passi da gigante, la considero la più forte nella storia del nostro calcio. Ma li avere visti i nostri arbitri? Sono atletici, belli, spigliati”. Il designatore Stefano Braschi è vicino alla fine del mandato in seno all’Aia, “ma di lui ci avvarremo in futuro, a prescindere dalle prossime scadenze”, taglia corto Nicchi. “Non ho mai sentito un Braschi così appassionato e motivato nella scelta degli arbitri - ha poi aggiunto -. Sul designatore abbiamo le idee molto chiare e non vedo all’orizzonte molte difficoltà”.

Siamo anche su:

aggiungici su facebook aggiungici su twitter

Online nel blog:

hitstatus

Radio:

Votaci

Per Iphone:

download applicazione minutoperminuto per i cellulari